Una BUSSOLA per INVESTIRE in ARTE – 1 – Bello, bellissimo ma… potrei domani rivenderlo a New York

Regola numero uno. “Mi piacciono le opere del tal artista”. Splendido. Domandati sempre : potrei, un domani, rivenderlo a New York? Me lo accetterebbero in asta a Tokyo? O se proprio voglio volar basso : passata Ventimiglia, passato il Brennero, l’han mai sentito nominare?

Winston Churchill, in ben altro contesto, sintetizzò mirabilmente il concetto nel Discorso tenuto il 4 giugno 1940 al Parlamento britannico, dopo Dunkerque : “Anche se ampi territori d’Europa e molti antichi e famosi stati sono caduti o stanno per cadere nelle grinfie della Gestapo e sotto le odiose norme dell’apparato nazista, noi non demorderemo né verremo meno (…). Noi combatteremo in Francia, noi combatteremo sui mari e sugli oceani; e anche se, cosa che io al momento non credo, quest’Isola o una gran parte di essa venisse sottomessa ed affamata, allora il nostro Impero d’oltremare, armato e difeso dalla Flotta Britannica, continuerà la battaglia finché, quando Dio vorrà, il Nuovo Mondo, con tutta la sua potenza e la sua forza, verrà a soccorrere ed a liberare il Vecchio”. La Gran Bretagna non poteva perdere : se Londra fosse stata invasa, la Corona ed il Governo avrebbero comunque guidato l’Impero dall’India, dal Canada, dall’Australia o dall’Africa. Così, il collezionista avveduto non può perdere : caduto il mercato italiano sotto i colpi delle agenzie di rating, può vendere le sue opere in Francia. Se il downgrade s’abbatte anche su Parigi, eccolo pronto a contattare Christie’s Londra. Crolla l’intera Europa? Eccolo a Sotheby’s New York o a Mallet Japan.

Un nome a caso (ma non troppo) su cui puntare rispettando questa regola? Paul Jenkins. Americano, classe 1923, fin dagli anni ’50 vive tra Parigi e New York. Si affaccia in Estremo Oriente già negli anni ’60, esponendo a Tokyo e collaborando col gruppo Gutai ad Osaka. Facciamo l’appello delle aste di dicembre 2011/gennaio 2012. Parigi? Presente: 7 opere. New York? Presente. Toronto? Presente. Vercelli? Presente: 2 opere. Tokyo? Presente. Completano il quadro: Vienna, Bruxelles, Amburgo, Montecatini, Monaco di Baviera, Uppsala e Chicago. Acquistabile con medio investimento (5-30 mila euro) e sicura soddisfazione.

Luca Sforzini

Gallerista d’Arte – Consulente – Perito

(+39)-331-4125138 / lucasforziniarte@libero.it / www.lucasforziniarte.it